Google+ Followers

Proverbi Calabresi sulla cucina

A carni va cu ll'ossu
La carne con l'osso è più saporita
Amaru cu u porcu no 'mmazza, a li travi soi non mpicca sarzizza
Nelle case in cui non si ammazza il maiale dalle travi non pendono salsicce

Ca scusa du figghiolu a mamma si mangia l'ovu
Con la scusa di dare da mangiare al bambino la mamma si mangia l'uovo

Chi mangia di bon'ura ccu nu pugnu scascia nu muru
Chi mangia di buon'ora con un pugno rompe un muro

Cu 'ndeppi focu campau, cu 'ndeppi pani moriu
Chi ha avuto il fuoco è vissuto, chi ha avuto il pane è morto

Cu non poti mangiari ' carni si mbivi u brudu
Chi non può mangiare la carne è costretto ad accontentarsi del brodo

Cuocila comi voi sempri cucuzza esti
La zucca la puoi cucinare in maniera diversa, ma sempre è zucca

Cu sparti pigja a megjiu parti
Chi divide il cibo si accaparra la porzione migliore

Cu staci a speranza i l'attri e non cucina la sira si coghhi alla sdiuna
Chi non cucina sperando che cucinino gli altri, rischia di rimanere digiuno

Cu voli bonu vinu vindigna tardu
Spesso il buon vino deriva da una vendemmia tardiva

I Santu Martinu si iaprunu i butti e si prova lu vinu
A San martino si aprono le botti e si assaggia il vino

I tutti I santi I castagnari sunnu a rriianti
Dal  primo novembre tutti possono raccogliere gratuitamente le castagne

L'acqua fa mali e lu vinu fa cantari
L'acqua fa male e il vino fa cantare

Lù mangiare e lu vivìre tì sana; lu troppu faticara ti consuma
La buona tavola guarisce da ogni male, mentre le fatiche debilitano

Ogghiu du'n annu e vino di centanni
Olio di un anno e vino di cent'anni

Omani di vinu ogni centu nu carrinu
Gli uomini che si ubbriacano non valgono niente

O ti mangi 'sta minestra o ti jetti da finèstra
O ti mangi questa minestra o ti butti dalla finestra

Quandu ‘a tavula è misa cu non mangi perdi ‘a spisa
Quando la tavola è apparecchiata chi non mangia perde il cibo(Approfitta del momento proprizio)

Quàndu canta a cicàla viccinati a ficara
Al canto della cicala, vai a vedere se sono maturati i i fichi

Risuni e maccarruna dopu 'n'ura si diijunu
Il riso e i maccheroni si digeriscono in un'ora

Senza levitu non si faci pani
Senza le cose fondamentali non si può raggiungere l'obbiettivo

Si ti mbriachi fallu i vinu bonu
Se uno si deve ubriacare conviene con vino buono

U jancu e u russu venanu du mussi
Il colore del viso spesso dipende dall'alimentazione

‘U mangiari senza ‘mbiviri è comu u tronàri senza chioviri
Il mangiare senza bere è come il tuonare senza piovere

Uu megghiu vinu si faci citu
Di solito dal buon vino nasce l’aceto

U vinu 'a vita allonga, ll'acqua accurcia ll'anni
Il vino allunga la vita, l'acqua l'accorcia

U saziu non cridi o sdiunu
Chi ha mangiato non si mette nei panni di chi è a digiuno